loader

«Nuove prospettive per l’edilizia residenziale»

A quasi vent'anni dall'introduzione della Legge sui disabili (LDis), facciamo il punto sulla realizzazione di edifici residenziali senza ostacoli & adattabili. Con una nuova pubblicazione, vogliamo richiamare l'attenzione di tutti gli attori coinvolti e incitarli ad agire.

Diciamolo subito: anche vent’anni dopo l’introduzione della Legge sui disabili, la situazione abitativa delle persone con disabilità è tutt’altro che buona. Quel che manca non sono linee guida e principi, bensì incentivi stimolanti e basi giuridiche coerenti. Altre ragioni della mancata realizzazione di abitazioni senza ostacoli e adattabili sono certe idee ormai superate e i pregiudizi purtroppo ancora fortemente radicati tra i proprietari immobiliari, i leader politici e gli architetti.

La nuova pubblicazione «Nuove prospettive per l’edilizia residenziale» si distingue per grafica e contenuti dagli altri ausili alla progettazione del Centro e si rivolge non solo agli architetti, ma anche alle autorità e ai responsabili del settore immobiliare. Con fatti e numeri da noi raccolti, resoconti delle esperienze dei diretti interessati e proposte concrete di soluzioni, vogliamo sensibilizzare l’opinione pubblica sull’edilizia inclusiva, motivando così ad implementare con coerenza il concetto delle abitazioni senza ostacoli & adattabili, nelle nuove costruzioni come nelle ristrutturazioni. L’opuscolo è ora disponibile in tedesco, francese e italiano presso il Cento, in formato digitale e cartaceo. Esso verrà distribuito ad un vasto pubblico come supplemento alle riviste di architettura e rivolte al tema dell’abitare della Svizzera tedesca, francese e italiana.

Per scaricare gratuitamente l’opuscolo «Nuove prospettive per l’edilizia residenziale», cliccare qui:

    La campagna «Alloggi per tutti» è partita!

    Sostieni anche tu la nostra raccolta fondi su wemakeit: così facendo ci aiuterai a migliorare la situazione abitativa per le persone con disabilità!

    Vent’anni dopo l’entrata in vigore della Legge sui disabili (LDis), poco è cambiato nel campo dell’abitare. Le persone in sedia a rotelle o in particolari situazioni di vita continuano ad essere svantaggiate sul mercato immobiliare, vedendosi così spesso costrette ad abitare in istituzioni specifiche. Con il nostro piano d’azione «Alloggi per tutti», vogliamo motivare i diversi attori coinvolti nell’edilizia residenziale e la pubblica amministrazione ad applicare in maniera coerente il concetto di abitazioni senza ostacoli e adattabili alla pratica costruttiva. Contestualmente all’opuscolo appena pubblicato «Nuove prospettive per l’edilizia residenziale», con il quale richiamiamo l’attenzione in maniera critica e ben documentata sull’attuale carenza di abitazioni per persone con disabilità, a settembre lanceremo la piattaforma digitale «abitazioni-adattabili.ch». Questo nuovo sito sarà il primo catalogo digitale a raccogliere esempi virtuosi di edifici senza ostacoli e adattabili, nuovi e ristrutturati, utile soprattutto a motivare e ispirare architetti e responsabili del settore delle costruzioni a realizzare ambienti abitativi che siano veramente per tutti.

    Per poter realizzare il nostro piano d’azione – tanto ambizioso quanto urgente – contiamo sul vostro supporto! Fino al 17 settembre potete fare una donazione tramite la piattaforma di crowdfunding wemakeit. Grazie di cuore!

    https://wemakeit.com/projects/kampagne-wohnen-fuer-alle?locale=it

      «Nuove prospettive per l’edilizia residenziale»

      Diciamolo subito: anche vent’anni dopo l’introduzione della Legge sui disabili, la situazione abitativa delle persone con disabilità è tutt’altro che buona. Quel che manca non sono linee guida e principi, bensì incentivi stimolanti e basi giuridiche coerenti. Altre ragioni della

      La campagna «Alloggi per tutti» è partita!

      Vent’anni dopo l’entrata in vigore della Legge sui disabili (LDis), poco è cambiato nel campo dell’abitare. Le persone in sedia a rotelle o in particolari situazioni di vita continuano ad essere svantaggiate sul mercato immobiliare, vedendosi così spesso costrette ad